Crea sito

Browse By

Stati Uniti. L’abbraccio dell’agente di frontiera ai due piccoli migranti abbandonati

Il bambino di 6 anni assieme a lui anche la sorella di 5 anni: sugli avambracci avevano scritto a pennarello il numero di telefono della madre

Due bambini soli e in lacrime sono stati ritrovati nel deserto e messi in salvo dagli agenti di frontiera tra Messico e Stati Uniti. I due minori non sono stati in grado di comunicare con gli agenti se non per fornire i loro nomi.
Quindi, sono stati trasportati in una vicina stazione di polizia di frontiera per essere curati. Alla stazione, i bambini hanno fornito agli agenti un biglietto scritto a mano con il nome e il numero di telefono della madre. Entrambi avevano anche lo stesso nome e numero di telefono della madre scritto in pennarello sugli avambracci.

Quando gli agenti hanno contattato la madre sono stati in grado di ottenere ulteriori informazioni sui bambini che si è appreso siano fratello, di 6 anni, e sorella, 5 anni: i due poi sono stati trasferiti al Dipartimento di Salute e Servizi Umani.
“È inconcepibile che qualcuno abbandoni questi bambini piccoli e che i responsabili di eventi di contrabbando come questo vengano perseguiti in modo aggressivo”, ha spiegato l’agente Aaron Heitke. “Per fortuna, i nostri agenti sono stati in grado di salvare i due fratellini”.

“Scene come queste sono fin troppo comuni, poiché i trafficanti continuano ad abbandonare i minori in aree desolate, senza alcun riguardo per il loro benessere”, si legge in una dichiarazione della US Customs and Border Patrol.

Il governo degli Stati Uniti ha accolto quasi 19mila bambini che viaggiavano da soli attraverso il confine messicano solo a marzo, hanno riferito le autorità. È il numero mensile più grande mai registrato. L’incremento è legato a una serie di fattori, tra questi la decisione dell’amministrazione Biden di esentare i minori non accompagnati dall’espulsione immediata prevista invece, in tempo di pandemia, per la maggior parte dei migranti irregolari, senza la possibilità di chiedere asilo.

Avvenire

Please follow and like us: