Crea sito

Browse By

Tensione tra Kenya e Italia sul sequestro di Silvia Romano: respinti ancora i nostri investigatori…

Le autorità italiane hanno chiesto più volte di collaborare alle indagini sulla volontaria sequestrata il 20 novembre.

Nessuna svolta sul rapimento di Silvia Romano, la volontaria della Onlus “Africa Miele” sequestrata nel villaggio di Chakama, in Kenya, il 20 novembre. Sul fronte dell’inchiesta, c’è da registrare, però, ancora una volta, un silenzio delle autorità locali alla richiesta dell’Italia di inviare nostri investigatori nel Paese africano e poter collaborare attivamente all’inchiesta. Almeno otto istanze, infatti, sono state respinte da Nairobi.
Nonostante l’arresto di Ibrahim Adan Omar, uno dei sequestratori, le indagini sembrano essere a un punto morto. Per questo i carabinieri del Ros hanno chiesto, ben otto volte volte e inutilmente, di poter indagare sulla vicenda. La prima istanza era stata presentata addirittura qualche ora dopo la cattura della nostra connazionale, istanza puntualmente respinta. L’ultima, ancora senza risposta, appena tre giorni fa.

Nelle lettere è stato sottolineato come la cooperazione tra investigatori potrebbe rivelarsi determinante anche per verificare l’ipotesi che Silvia sia stata venduta dalla banda a un gruppo terroristico di al-Shabaab e trasferita in Somalia. Il comportamento delle autorità keniote risulta piuttosto ambiguo, visto che è sempre accaduto in passato che le forze dell’ordine italiane collaborassero con quelle locali in occasione di altri rapimenti di nostri connazionali all’ estero.

Come ricostruisce poi Il Messaggero, da qualche mese la stampa locale del Paese africano sta insinuando che Silvia sarebbe stata uccisa in uno scontro a fuoco tra i suoi rapitori e un gruppo di islamisti somali di al-Shabaab, a cui i sequestratori avrebbero voluto venderla. Una trattativa finita male, anche se nulla di tutto ciò è stato verificato. La volontaria italiana sarebbe stata anche accusata dai media di essere in qualche modo vicina al traffico illegale di avorio, e sarebbe proprio questo il motivo per cui sarebbe stata in contatto con uno dei suoi rapitori che gli avrebbe inviato dei messaggi…

www.globalist.it

Please follow and like us: